La vitamina B protegge dall’ictus

Visite: 1180

Gli integratori a base di vitamina B riducono il rischio di ictus? La risposta pare affermativa, a giudicare dai dati di uno studio pubblicato online su Neurology. «Le vitamine del gruppo B favoriscono la produzione di globuli rossi, permettono alle cellule nervose di svilupparsi e supportano il metabolismo di proteine, carboidrati e grassi» esordisce Yuming Xu, ricercatore del Dipartmento di neurologia all’Università Zhengzhou in Cina e coautore dell’articolo. Studi epidemiologici hanno mostrato un'associazione tra omocisteina e ictus dose-correlata e indipendente da altri fattori, suggerendo che un calo nei livelli del composto potrebbe ridurre il rischio di ictus e di infarto miocardico. Studi clinici hanno confermato che l'acido folico riduce l'omocisteina, ma finora i risultati sono contrastanti per ciò che riguarda la prevenzione dell’ictus o degli attacchi di cuore. «Anzi: alcuni dati suggeriscono che l’aggiunta di vitamine del gruppo B alla dieta può addirittura aumentarne il rischio» puntualizza Xu. Per chiarire l’argomento i ricercatori hanno analizzato 14 studi clinici randomizzati - con un totale di 54.913 partecipanti - che hanno messo a confronto l’aggiunta di vitamine B con placebo o vitamine B a bassissimo dosaggio. Nel corso del follow-up, protrattosi per un minimo di sei mesi, si sono verificati 2.471 ictus, e i risultati complessivi mostrato un certo vantaggio preventivo nell’assumere integratori a base di vitamine B. Esaminando la totalità degli studi, la loro somministrazione ha ridotto il rischio di ictus complessivamente del 7%, anche se non sembra influenzarne la gravità o il rischio di morte. Dato interessante, i ricercatori non hanno trovato riduzioni significative del rischio di ictus per due delle più importanti vitamine del gruppo B: B12 e B9, quest’ultima nota anche come acido folico, spesso presente nei cereali fortificati, quelli a cui vengono aggiunte vitamine o sali minerali. «Sulla base di questi risultati, è possibile che la capacità della vitamina B di ridurre il rischio di ictus sia influenzata da fattori esterni quali il tasso di assorbimento, i livelli di acido folico e B12 nel sangue o la presenza di malattie renali e ipertensione arteriosa» conclude Xu.

Neurology, September 18, 2013.

Joomla 1.6 Template by sinci

Blister Online